Il Dilemma della stanza buia – I grandi rompicapo

Il dilemma della stanza buia  – Emma la pasticciera, nota cultrice dei rompicapo matematici e dei problemi di logica (Pagina Ufficiale di Emma) dopo un lungo studio ha deciso di selezionare i giochi logico-matematico più belli di ogni tempo proponendone separatamente anche le relative soluzioni. Si tratta di quesiti che per essere risolti richiedono doti sia logiche ma anche creative. Il rompicapo matematico perfetto deve proporre una situazione semplice da spiegare e una soluzione altrettanto immediata da comprendere ma complicatissima da trovare, spesso al limite dell’impossibile per una mente media.

Se avete altri giochi da segnalare per la loro facilità di presentazione ma difficoltà di risoluzione potete scrivere a info@pescini.com

In questa pagina presentiamo Il dilemma della stanza buia, un bel gioco dove un ambiente senza luce e un mazzo di carte diventeranno un vero rompicapo per Emma.

Buon divertimento!

IL DILEMMA DELLA STANZA BUIA

Emma venne invitata ad una festa di compleanno di Mario, un brillante ingegnere amante dei giochi di magia e di problemi matematici.

Così una volta andati via gran parte degli invitati Mario propone ad Emma questo gioco.

“Emma seguimi!” disse Mario portandola in una stanza completamente buia.

Emma rimase un po’ disorientata e forse in cuor suo sperava che Mario provasse a sedurla. Purtroppo non era così.

“Dunque, in questo momento ho in mano un mazzo di 40 carte nuovissime – senza segni o altro che consenta di riconoscerle. Eccole!” disse il giovane consegnando a lei nel buio il mazzo.

“Ora devi sapere che 10 delle 40 carte hanno la faccia rivolta verso l’alto e le altre 30 hanno la faccia rivolta verso il basso, e sono mescolate. Come puoi ben capire – disse – Tu non hai alcun modo di sapere quali sono le carte in un verso o nell’altro.”
“E quindi” domandò Emma.

“Semplice. Il tuo compito è uscire dalla stanza con 2 mazzi di carte aventi entrambi lo stesso numero di carte con la faccia rivolta verso l’alto.”

“Ganzo!” Esclamò nel buio profondo della stanza sentendo il tepore della strettissima vicinanza del ragazzo.
“Emma si tratta di un gioco di pura logica quindi non ci sono giochi di parole e non ci sono trucchi (tipo accendere la luce o vedere le carte in qualche modo).”

 

(La Soluzione è in fondo pagina)

-.-.-







-.-.-

-.-.-







-.-.-

Soluzione de “Il dilemma della stanza buia”

 

Basta prendere 10 carte qualunque dal mazzo (di 40), si formeranno così 2 mazzi: 1 da 30 carte ed 1 da 10 carte.
Poi è sufficiente capovolgere il mazzo da 10 ed il gioco è fatto!
Ipotizziamo che nel nostro mazzo da 10 carte prese a casaccio, fossero confluite 2 delle 10 carte con la faccia verso l’alto, significa che nel secondo mazzo di 30 carte ne sono rimaste 8 con la faccia verso l’alto. Ecco che capovolgendo il mazzo da 10, le 2 con la faccia rivolta verso l’alto passano verso il basso e ci troveremo quindi con 8 carte con la faccia verso l’alto. Avremo così 2 mazzi con 8 carte rivolte verso l’alto. Gioco risolto.
Questo funziona sempre, anche se nelle 10 carte estratte a casaccio fossero capitate 3 o 4 o 5 carte verso l’alto… o anche nessuna o tutte.

Vieni a scoprire nuovi giochi matematici proposti da Emma la Pasticciera!

I NUOVI ROMPICAPO DI EMMA!