Le 60 musiche per pianoforte più difficili di ogni tempo (3/6)

pianoforte-coda-schimmel-pegasus-300x248

pianoforte-coda-schimmel-pegasus-300x248

Questa è la pagina 3 di 6 dell’elenco dei brani per pianoforte più difficili di sempre. Per ogni pezzo, dopo una breve presentazione dell’autore e della composizione, viene proposto un video di una performance dal vivo ed uno con lo spartito in modo da poter apprezzare la difficoltà e complessità sia esecutiva-tecnica che di lettura.
Per suggerimenti o segnalazioni potete scrivere a
 Lorenzo@Pescini.com 

Per tornare all’inizio dell’elenco cliccare QUI

-.-.-

Don’t go away (Pescini)

-.-.-

Milij Alekseevič Balakirev (Nižnij Novgorod, 2 gennaio 1837 – San Pietroburgo, 29 maggio 1910) compositore, pianista e direttore d’orchestra russo, fondatore del Gruppo dei Cinque, che ebbe grande rilevanza nella storia della musica russa.

29) Islamey (Oriental Fantasy) Op. 18

Islamey è scritta nel settembre del 1869. Il pezzo è stato composto nel corso di un mese, in netto contrasto con l’abitudine di Balakirev di prendere a volte anni per completare un lavoro. Balakirev ha poi rivisto lo spartito nel 1902. L’opera è divisa in tre parti distinte, una apertura (Allegro agitato), che introduce il tema principale, un medio (Tranquillo – Andantino espressivo) che introduce un tema completamente nuovo, e un terzo (Allegro vivo – Presto furioso), che ritorna al tema principale. Le numerose edizioni esistenti hanno numerosi passaggi alternativi – la maggior parte sono più facili, alcuni sono più difficili. Questa difficoltà tecnica ha reso famosi alcuni virtuosi, come Nikolai Rubinstein (che ha debuttato il pezzo), Franz Liszt, e nei tempi moderni, pianisti come Moura Lympany, Martha Argerich e Vladimir Horowitz. Balakirev, considerato un pianista virtuoso nel suo tempo, una volta ammesso che ci sono stati passaggi del pezzo che egli “non poteva eseguire.” Inoltre, Alexander Scriabin danneggiò gravemente la sua mano destra nello studiare il pezzo insieme alle Réminiscences de Don Juan di Liszt.

-.-.-

Adolf  Schulz-Evler (12 December 1852 – 15 May 1905) compositore polacco.

28) Waltz “On the Beautiful Blue Danube” (Strauss)

-.-.-

Ferruccio Busoni (Empoli, 1º aprile 1866 – Berlino, 27 luglio 1924) compositore e pianista italiano, naturalizzato tedesco.

27) Toccata K. 287

La Toccata K. 287 , composta nel 1920 è composta da Preludio, Fantasia e Ciaccona.

-.-.-

Leopol’d Godovskij (Vilna, 13 febbraio 1870 – New York, 21 novembre 1938) compositore, pianista e insegnante russo. Tra le sue composizioni, annoveriamo soprattutto le musiche per pianoforte, caratterizzate da ricche armonie cromatiche e ingegnose soluzioni tecniche.

26) Studi su Études di Chopin 

Studi su Études di Chopin è un insieme di 53 arrangiamenti degli Studi di Chopin di Leopold Godowsky. Sono rinomati per la loro difficoltà tecnica: il critico Harold C. Schonberg li chiamò “le cose più impossibilmente difficili mai scritti per il pianoforte. “Molti degli studi (per esempio, lo studio “Ignis Fatuus” a Étude di Chopin in la minore, op 10, No. 2.) invertono la parte originale della destra nella mano sinistra; molti altri sono per la sola mano sinistra (per esempio, lo studio sul “rivoluzionario” Étude, trasposto in C-diesis minore). Due degli studi sono due combinazioni di due études; il più noto di questi è chiamato “Badinage”.

-.-.-

Aleksandr Nikolaevič Skrjabin (Mosca, 6 gennaio 1872 – Mosca, 27 aprile 1915) compositore e pianista russo. La sua figura di compositore si colloca a cavallo fra tardo-romanticismo e sperimentazione novecentesca.

23) Sonata n. 5

La Sonata n. 5 per pianoforte, op. 53, è un lavoro scritto da Alexander Scriabin nel 1907. Questa era la sua prima sonata ad essere scritta in un unico movimento, un formato ha mantenuto da allora in poi. La sua durata media è tra gli 11 e i 12 minuti.

22) Sonata n. 10

La Piano Sonata No. 10, op. 70, è stata scritta da Alexander Scriabin nel 1913 E ‘stato il suo ultimo lavoro in questa forma. Il pezzo è altamente cromatico atonale e come altre opere tarde di Skrjabin, anche se forse meno dissonante rispetto alla maggior parte delle sue opere tarde. E ‘caratterizzata da trilli e tremoli frequenti. A volte è chiamato il suo “Insect Sonata”, riferendosi alle sue parole: “La mia Sonata Decima è una sonata di insetti. Insetti nascono dal sole […] sono i baci del sole.”  Diversamente dalla maggior parte delle sue altre sonate, la decima segue la forma sonata tradizionale. Si apre con alcune note desolate, formando una corda aumentata e quindi un accordo diminuito. Poi, si muove su di un tema semplice cromatico, e poi di nuovo al tema iniziale. Scriabin poi introduce i trilli luminosi che pervadono il resto del pezzo, e poi passa ad un terzo tema con una melodia cromaticamente discendente. Seguendo il formato sonata, questi tre temi assumono una forma modificata nello sviluppo prima di stabilirsi nel finale. Il pezzo termina ripetendo l’apertura. Come altre sonate di Skrjabin, è tecnicamente e musicalmente molto impegnativa per il pianista. Una performance tipico è di circa 12 minuti.

 

-.-.-

Sergej Vasil’evič Rachmaninov (Velikij Novgorod, 1º aprile 1873 – Beverly Hills, 28 marzo 1943) è stato un compositore, pianista e direttore d’orchestra russo naturalizzato statunitense. Di fama mondiale, è considerato uno dei più grandi compositori e pianisti russi di sempre. 

 25) Sonata nr. 2  (edizione 1913)

Piano Sonata No. 2, op. 36, è una sonata per pianoforte in si bemolle minore composta da Sergei Rachmaninoff nel 1913 poi rivista dallo stesso autore nel 1931, con la nota, “La nuova versione, riveduta e ridotta dall’autore.” Ha tre movimenti: Allegro agitato, Non allegro, Allegro molto

24) Etude-tableaux Op.39 No.5

Gli Etude-tableaux sono Op. 39 sono 9 studi composti nel 1916.

Joseph-Maurice Ravel (Ciboure, 7 marzo 1875 – Parigi, 28 dicembre 1937) compositore, pianista e direttore d’orchestra francese.

21) Gaspard de la nuit 

Gaspard de la nuit: Trois Poèmes pour Piano d’apres Aloysius Bertrand è un’opera per pianoforte solista di Maurice Ravel. È costituita da tre movimenti, ispirati ad altrettante poesie di Aloysius Bertrand: Ondine (“Ondina”)  evoca l’immagine di una ninfa lacustre mentre canta con l’intento di sedurre lo spettatore e condurlo ad esplorare le profondità del lago. È caratterizzata da continue “ondulazioni” di sonorità, che rappresentano il moto incessante dei flutti ora in un senso, ora nell’altro. Le gibet (“La forca”) descrive una sinistra scena di impiccagione: “All’orizzonte, presso le mura di una città, si ode il rintocco di una campana, mentre il sole calante arrossa il corpo di un impiccato”. L’insistenza del rintocco è ottenuta con un accordo di si bemolle, ripetuto ben 258 volte per tutta la durata del pezzo. Scarbo descrive invece un folletto notturno, inquieto e dispettoso, che appare e scompare guizzando di continuo e prendendosi gioco dello spettatore con burle e sberleffi. È il pezzo più trascendentale della raccolta, caratterizzato da frequenti note ribattute e da due terrificanti sezioni in crescendo, che culminano in un finale fragoroso, prima della chiusa sommessa. Il nome Gaspard è di origine persiana e significa “l’uomo incaricato di custodire i tesori regali”. Gaspard de la nuit significherebbe quindi “il tesoriere della notte”. Ravel dichiarò esplicitamente di aver voluto comporre un’opera che superasse in difficoltà l’Islamej di Balakirev, unanimemente considerato uno dei pezzi più ostici mai scritti. La padronanza tecnica che Gaspard de la nuit richiede all’esecutore è in effetti assoluta: la raccolta è tuttora un difficile banco di prova anche per i pianisti più dotati. Alcuni passi particolarmente difficili richiedono la scrittura su tre righi.

 

20) Le tombeau de Couperin 

Le tombeau de Couperin è una suite per pianoforte del compositore francese Maurice Ravel. Venne composta fra il 1914 e il 1917 durante la Prima guerra mondiale: ogni movimento è dedicato ad un amico del compositore caduto in guerra.

 

-.-.-

L’elenco dei 60 brani pianistici difficilissimi (con Stravinskij, proseguea

Pagina 4

-.-.-

The man who loved dragons (Pescini)

-.-.-

(Ultimo aggiornamento: 10/16)

Vieni a scoprire la musica di Lorenzo Pescini su:

 Studio musicale virtuale di Lorenzo:
www.pescini.com
Canale personale di Lorenzo su Youtube: 

www.youtube.com/lpescini
Pagina ufficiale di Lorenzo su Facebook:

www.facebook.com/pescinicomposer