Nico Paladini – Pittore esploratore

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

Nico Paladini è nato ad Empoli il 18 Ottobre 1949. Fin da bambino manifesta una spiccata tendenza per il disegno ed il colore, questa inclinazione orienterà i suoi studi verso le materie artistiche. Di carattere turbolento e fantasioso, conduce una formazione scolastica scostante e spesso interrotta, frequenta il Liceo Artistico di Savona e Firenze abbandonando questi studi, per diplomarsi poi nel 1970 all’Istituto d’Arte dì Siena.  Pochi anni prima, aveva conosciuto lo scrittore Peter Kolosimo; affascinato dalle teorie fantastiche di Kolosimo sull’origine delle civiltà, Paladini orienta la sua produzione artistica in senso sempre più surrealista.

Nello stesso periodo conosce la speleologia, una curiosità innata verso il mondo dell’esplorazione e dell’avventura andrà così sviluppandosi per diversi anni. E’ quello un periodo in cui l’esplorazione delle grotte, ancora lontana dalle moderne tecniche di discesa, viene vissuta in modo pionieristico. Nei primi anni settanta Paladini fonda un gruppo speleologico (L.A.S.E.) e organizza numerose spedizioni in Italia e all’estero.

Da allora Nico ha vissuto una dietro l’altra una serie infinita di straordinarie avventure:

–        Nel 1971 durante un’altra spedizione, resterà nella stessa spelonca  per ben 11 giorni.

–        Nel 1977 scava nelle misteriose gallerie della fortezza Saqsaywaman sull’altopiano peruviano. assieme ad una équipe dell’Università di Cuzco;

–        Viaggia fino in Amazzonia dove conosce l’esploratore naturalista Celestino Kalinowski con il quale progetta di organizzare una spedizione alla ricerca di un leggendario tesoro.

–        Intorno alla fine degli anni settanta visita successivamente zone archeologiche della Bolivia e della Colombia per poivolare sulla pampa di Nazca e discendere il Rio Alto Urubamba fino al Pongo di Mainique.

–        Nei primi anni ’80 inizia anche una più intensa attività alpinistica: viaggia in Brasile; sale il Kilimanjaro 6000 mt, e va fino in Islanda in fuoristrada, visita Skri Lanka, e l’Ecuador dove sale il Chimborazo 6300 mt. e percorre una parte del Rio Napo versola Selva Amazzonica; sale il Monte Bianco, sfuggendo miracolosamente alla caduta di una frana.

–        Nell’85 organizza con l’alpinista F. Santon una serie di spedizioni in una regione inesplorata delle Ande Argentine.

–        Nell’86 dedica alla figlia Aleida la “prima” ascensione di una montagna di 4540 mt.. Con una équipe R.A.I. raggiunge i resti dell’aereo uruguayano dei sopravvissuti delle Ande, assieme a loro c’è anche Seler Parrado, il padre di Nando, l’autore del salvataggio del gruppo dei sopravvissuti. La spedizione si conclude con un viaggio attraverso le zone naturalistiche della Patagonia.

–        Nell’89 torna in Argentina per attraversare a cavallo le Ande fino alle rovine di un antico villaggio indiano; raggiunge la vetta di due montagne senza nome: il Cerro Navidad 3800 mt. e il Cerro Siena 4080 mt.. E’ poi in Cile dove va a visitare ì giganteschi monoliti dell’isola di Pasqua.

–        Nel ’92 torna in Patagonia e poi è in Nepal per effettuare un trekking sull’Himalaya.

–        Agli inizi del ’93 partecipa alla spedizione scientifica dell’università di Siena sulle Ande dell’estremo Nord dell’Argentina, in questo viaggio raggiunge una vetta del massiccio del Pissis che non era mai stata salita di 6200 mt.

Nel frattempo con all’attivo una lunga esperienza in campo fotografico, in questi anni Paladini intraprende il lavoro pubblicitario come fotografo di moda e grafico, questa più diretta conoscenza del mondo dei media lo porterà a formulare e concretizzare i concetti che sono alla base del Metropolismo.

 Nel ’91 conosce il pittore francese Alain Bonnefoit, è l’inizio oltre che di una grande amicizia, anche di un periodo di lavoro in cui spesso Alain e Nico si ritrovano nei rispettivi studi e dipingono con le stesse modelle. Sempre nel ’91 è chiamato a partecipare alla mostra “La donna e l’orchidea” all’isola della Reunion; fa seguito un viaggio a Mosca.

Nel giugno del ’93, il movimento Metropolismo, fondato ufficialmente nell’87 da Nico Paladini e Antonio Sciacca, viene presentato a Roma con una grande esposizione allo Spazio Flaminio, stampa e tv si occupano con interesse dell’avvenimento.

Da questo momento fino ad oggi, la pittura diviene globalmente l’unica attività di ricerca sia in senso professionale che culturale. Ne sono testimonianza le numerose mostre personali sia in Italia che in Europa e la continua e attiva partecipazione agli sviluppi del movimento Metropolismo.

Nel 2012 Nico Paladini ha lavorato con il compositore Lorenzo Pescini ed altri artisti su un originale progetto dal titolo “Sulla strada di Venere” nel quale musica, pittura e poesia si fondono insieme dando vita ad un modo di fare arte innovativo e sperimentale. Info: www.pescini.com/venere.html

Visita il sito del Maestro: www.nicopaladini.it

-.-.-

 

Vieni a scoprire la musica di Lorenzo Pescini su:

 

Studio musicale virtuale di Lorenzo:
www.pescini.com
Canale personale di Lorenzo su Youtube:
www.youtube.com/lpescini 
Pagina ufficiale di Lorenzo su Facebook:
www.facebook.com/pescinicomposer